Villa Faraldi “La Piccola Atene fra gli Ulivi”

Sopra il cielo azzurro… che secondo da dove lo guardi si confonde con il mare e sotto un’altro mare ma questa volta verde!

Comune di Villa Faraldi

Infatti la caratteristica principale di Villa (senza Faraldi così la chiamano i suoi abitanti e le decine di turisti che non sono più turisti ma veri abitanti perché amano risiederVi da tantissimi anni e per quasi tutto l’anno) è quel gioiello piccolo, scuro che si chiama oliva taggiasca. Da questa oliva si ricava uno straordinario olio extravergine leggero, poco acido, dal sapore fruttato.

Villa Faraldi è il regno della taggiasca ed è il simbolo di quel entroterra ligure dove si vive bene e a lungo, dove si mangia ottimamente e nonostante il carattere spigoloso e chiuso tipicamente ligure si gode tutto l’anno per il clima, la buona cucina e alcuni aspetti culturali che qui grazie all’influenza internazionale di alcuni suoi ospiti illustri ha trovato la culla per notevoli esperienze culturali.

Posta a circa 336 metri sul livello del mare, divisa in quattro frazioni e diverse borgate e località, Villa è facilmente raggiungibile dalla costa (si trova infatti a 7 chilometri da San Bartolomeo al Mare, centro della costa del Golfo Dianese, Provincia di Imperia e a circa 20 km dal Capoluogo di Provincia appunto Imperia) mediante una comoda strada con poche curve che ti permette di arrivare in circa 10 minuti dal mare. Se il turista viaggia in Treno dovrà fare riferimento alla stazione di Diano Marina (distante da San Bartolomeo al Mare solo 5 minuti) e poi usufruire dei mezzi pubblici (occorre informarsi presso gli Uffici Comunali per gli orari in quanto i mezzi compiono il percorso per Villa solo due volte al giorno) mentre nel caso arrivi in Autostrada la stazione di uscita è quella di San Bartolomeo al Mare (in fondo all’uscita Autostradale girare a sinistra).

Chi viene a Villa Faraldi si innamorerà dei suoi carruggi, dei suoi frantoi, della dolce collina colorata dal verde dell’oliva taggiasca, dei suoi ristoranti, delle tipiche piazze e piazzette dinnanzi alla Chiese ove riposarsi e chiacchierare e soprattutto del fatto che una volta giunti ci si può permettere di dimenticare qualunque cosa anche l’auto perché nel caso troverà sempre qualcuno disposto a dare un passaggio….